Attività ed itinerari a Castellabate

Attività ed Itinerari

Meta del turismo balneare, Castellabate (la location di Benvenuti al Sud) è da sempre il fiore all’occhiello della costa Cilentana settentrionale. Testimonianza di ciò, sono i siti che documentano la presenza di dimore e ville già dall’età romana. Affacciata sul Golfo di Salerno a contemplare Capri in lontananza, Castellabate è la porta della Terra Cilentana. Mille frastagliati golfi e baie nascoste lambiscono del mare le sponde e tra questi affiora Punta Licosa, da sempre faro e crocevia dei commerci marittimi, terra di miti e leggende. Fù il punto ove la bella Sirena Leucosia si diede la morte, non essendo riuscita ad ammaliare Ulisse. La malliarda sirena, però, sembra non essersi mai arresa, visto che, da Ulisse in poi e fino ai nostri giorni, ha incantato visitatori e passanti, mettendo Castellabate al centro delle mire di potenti e nobili che ambivano a godere del clima e della natura rigogliosa di queste zone. Numerose Torri di avvistamento lungo la costa, oltre a rammentare l’importanza commerciale di qeusto territorio nel passato, testimoniano la presenza di corsari Saraceni che, nel Sec. XV, terrorizzavano le popolazioni del Cilento con scorrerie e saccheggi. La più imponente e meglio conservata tra queste è sicuramente la Torre della Pagliarola, orma parte integrante dello storico Palazzo Perrotti. Stagliata sulla costa rocciosa e , a tratti, sabbiosa, al centro della Marina Piccola di Santa Maria di Castellabate, è un gioiello incastonato nella sabbia dorata. Il Magnifico Maniero, il castello dell’Abate, la cui fondazione si deve all’Abate IV di Cava de’ Tirreni, San Costabile Gentilcore (che qui ebbe i natali), nel 1123, è un illustre e autorevole monito agli sforzi di resistere e di presidiare il territorio. Il borgo medievale sviluppato intorno al castello, suggestiona il visitatore con i suoi scorci caratteristici, i suoi panorami maestosi e i suoi monumenti, il più fulgido dei quali è sicuramente la Basilica Minore. Scrigno, ma non per modo di dire… infatti Castellabate è Patrimonio Mondiale dell’Umanità(UNESCO) e uno dei Borghi più belli d’Italia! Castellabate è la tappa ideale per il viaggiatore esperto. Grazie alla sua posizione nevralgica e la presenza di molti servizi a disposizione di turisti e viaggiatori, non è solamente un punto di arrivo, ma soprattutto un punto di partenza da cui si aprono numerosi percorsi all’insegna della cultura e del relax. Da qui è possibile intraprendere percorsi archeologico-culturali…da Paestum (l’antica Posidonia) a Velia (la millenaria Elea), a tutti i siti di interesse archeologico che, a partire da Castellabate, dipòi disseminati in tutto il Cilento, arricchiscono questa regione stupenda dal sapore millenario. Infatti, immersi nella MAGNA GRAECIA, sarà possibile sperimentare un viaggio a ritroso nel tempo, fino alle origini della civiltà occidentale. Civiltà viva, non solo nelle tracce visibili e tangibili nei monumenti e nei siti storici, ma soprattutto nella tradizione enogastronomica. A tavola, il Cilento, da il benvenuto ai suoi visitatori con il frutto di saperi, contaminazioni culturali, mestieri millenari: la DIETA MEDITERRANEA. Infatti i primi studi su questo “elisir di lunga vita” sono partiti proprio da qui. I prodotti della terra, e quindi la tradizione contadina, il pescato, e quindi la tradizione marinara, e la saggezza millenaria di un popolo svelano i tratti di un rapporto ancestrale e, a tratti, spirituale, tra l’Uomo e la Natura. Molte sono le DOP: Olio del Cilento, Fico Bianco del Cilento, numerose qualità di Vini… Seguire le fasi di lavorazione di questi prodotti è una esperienza affascinante che il viaggiatore può mettere nel suo bagaglio di ricordi. La Natura tanto benigna e generosa in questo lembo di cielo in terra, si manifesta in aree di grande importanza naturalistica, valorizzate, ormai dal 1991, Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano e degli Alburni, uno dei più grandi d’Italia. Dalle oasi del WWF di Morigerati e del Bussento, al Parco Marino di Castellabate, si diramano, ancora una volta, itinerari adatti agli amanti del trekking, dell’escursionismo terrestre e marino. Come lasciarsi sfuggire la grotta azzurra di Palinuro e i suoi litorali rocciosi? Come perdere l’occasione di visitare Padula con la sua imponente Certosa e Castelcivita con le sue suggestive grotte?
Vivere il mare è possibile in tanti modi, con mille attività:

Ma la natura non è fatta di soli paesaggi, bensì anche di Biodiversità. Dalla Primula Palinuri, alla Lucertola endemica di Licosa dalla livrea verde e azzurra (Podarcis sicula klemmeri), alla capra cilentana, il cilento ospita specie autoctone, apprezzate non solo dagli amanti del turismo naturalistico ma da qualsiasi attento e curioso visitatore. Attività come il bird-watching traovano nel cilento terreno fertile. Ma il mare non annoia mai! Infatti non è l’estate l’unica stagione in cui poter godere delle meraviglie di questa terra. Vivere la magica atmosfera dei caratteristici Mercatini di Natale, lasciarsi trasportare dai suggestivi scorci dell’antico Borgo di Castellabate, come in un presepe a cielo aperto, scoprire i profumi e i sapori della tradizione cilentana, sono i motivi per vivere Castellabate e il Cilento anche durante l’ inverno. In occasione degli ormai tradizionali appuntamenti con le manifestazioni natalizie di Castellabate, il visitatore potrà vivere gli eventi e le curiosità in programma a Castellabate e negli altri borghi del Cilento. Visitare Salerno e le sue Luci d’Artista diventa un’occasione mondana a portata di mano durante questo periodo.
Che aspetti? Il Cilento e Castellabate ti aspettano!
La tua vacanza potrà diventare un viaggio entusiasmante tra i tesori del Cilento e di Castellabate.
Abbiamo pensato di mostrarti alcune delle parti più belle che i clienti del nostro B&B hanno scelto di visitare nel comune di Castellabate attraverso un piccolo video.